Fotoriproduzione e autorizzazione a pubblicare

Dal 29 agosto 2017, (L. 4 agosto 2017, n. 124, Art. 1, c. 171 che ha modificato l'art. 108 del D. Lgs. 42/2004) sono cambiate le procedure per la fotoriproduzione dei documenti (circolari n. 33/2017 e n. 39/2017 della Direzione Generale Archivi):


FOTORIPRODUZIONE DIRETTA DA PARTE DEGLI UTENTI CON MEZZI PROPRI 

E' libera l'attività di fotoriproduzione diretta da parte dell'utente, svolta senza scopo di lucro, per finalita' di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale. L'utente non potrà utilizzare scanner, falsh, né cavalletti e dovrà attenersi alle Norme di tutela per la riproduzione del patrimonio archivistico e librario dell'Archivio di Stato di Treviso.


Si avverte che i documenti già digitalizzati sono esclusi da questa modalità di fotoriproduzione e dovranno essere acquistati secondo il tariffario ministeriale.


La riproduzione di parte rilevante o integrale di un fondo o di una serie archivistica dovrà essere autorizzata.


FOTORIPRODUZIONI ESEGUITE DA FOTOGRAFI PROFESSIONISTI INCARICATI DALL'UTENTE

Previa autorizzazione della Direzione d'Istituto, è possibile fare eseguire fotoriproduzioni di documenti da fotografi professionisti. In tal caso l'utente dovrà concordare un appuntamento, con il personale addetto alla Sala di Studio,  sulla base della disponibilità di ambienti idonei.

Sarà cura dello studioso contattare personalmente il fotografo prescelto, a cui comunicherà il giorno e l’orario dell’appuntamento, e ordinare tempestivamente i documenti, controllando che siano effettivamente disponibili.

AUTORIZZAZIONE A PUBBLICARE IMMAGINI DI DOCUMENTI

Ai sensi della citata legge, è libera la divulgazione, con qualsiasi mezzo, effettuata senza scopo di lucro, per finalità di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale, delle immagini di beni culturali, legittimamente acquisite, in modo da non poter essere ulteriormente riprodotte.

In tale categoria rientrano la pubblicazione di immagini in libri con tiratura inferiore alle 2.000 copie e prezzo di copertina non superiore ad € 70,00 (le due condizioni devono coesistere), in periodici di natura scientifica, in siti web che perseguano finalità scientifiche e pedagogiche, non beneficino di inserzioni pubblicitarie o commerciali e non siano soggette ad accesso a pagamento (sarà cura di chi pubblica on line mettere in atto gli accorgimenti tecnici necessari a far sì che le immagini non possano essere ulteriormente riprodotte a scopo di lucro).

Per poter riprodurre, in tali pubblicazioni, immagini di un documento archivistico, o di parte di esso, è sufficiente inoltrare, utilizzando il modulo allegato, una semplice comunicazione alla Direzione dell'Archivio di Stato di Treviso del proposito di pubblicare le immagini acquisite ai sensi dell'art. 108 c. 3 del D.Lgs. n. 42/2008.

La pubblicazione dovrà citare l'Archivio di Stato di Treviso quale possessore dei documenti pubblicati e riportare l'esatta collocazione archivistica degli stessi.

L'editore dovrà consegnare, all'Archivio di Stato di Treviso, una copia analogica o digitale della pubblicazione e una copia della riproduzione.


Per altre finalità e per libri con tiratura pari o superiore a 2.000 copie e/o prezzo di copertina superiore a € 70,00, periodici non scientifici e siti web con caratteristiche diverse da quelle sopraelencate, la pubblicazione di immagini di un documento archivistico o di parte di esso, è soggetta ad autorizzazione ed al pagamento dei diritti di riproduzione.

Per ottenere l'autorizzazione, occorre fare richiesta alla Direzione dell'Archivio - utilizzando l'apposito modulo - corredata da marca da bollo da € 16,00.

Ai sensi dell'art. 16, Allegato B) D.P.R. 26 ottobre 1972 n. 642, sono esenti dal pagamento dell'imposta di bollo gli atti e i documenti posti in essere dalle Amministrazioni dello Stato, le Regioni, le Province ed i Comuni, nonché le Comunità montane sempreché vengano tra loro scambiati.

La richiesta su apposito modulo, con marca da bollo, deve pervenire in originale. Pertanto può essere inviata tramite posta cartacea ovvero consegnata in busta chiusa all'Ufficio Protocollo dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 13.00.

Esaminata la richiesta e riconosciutane la compatibilità, la Direzione dell'Archivio di Stato di Treviso provvederà a stilare lo schema dell'atto di concessione, che verrà quindi inviato al richiedente. Questi, accettandolo, lo sottoscriverà e lo restituirà alla Direzione medesima dopo avervi apposto una marca da bollo da € 16,00 ogni quattro facciate di testo, tranne che nei casi di esenzione dal bollo previsti dalla normativa vigente.

La Direzione dell'Archivio di Stato provvederà di seguito ad emanare l'atto di concessione e a ricapitarlo al richiedente, previa verifica del pagamento dei diritti di riproduzione, di cui al paragrafo successivo, da parte del richiedente.

La pubblicazione dovrà riportare la segnatura esatta del documento e la menzione "su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali" (indicare inoltre gli estermi della concessione: Archivio di Stato di Treviso, anno, numero del provvedimento di autorizzazione assegnato).

L'autorizzazione alla pubblicazione è valida limitatamente a un solo paese e alla prima edizione della stessa; per ulteriori utilizzazioni dovrà essere richiesto un permesso specifico.


L'autorizzazione alla pubblicazione non esonera lo studioso dall'accertamento e dalla regolarizzazione di eventuali diritti d'autore spettanti ad altri soggetti sugli stessi beni.


DIRITTI DI PUBBLICAZIONE


La riproduzione di immagini di documenti dell'Archivio di Stato di Treviso in libri con tiratura pari o superiore a 2.000 copie e/o prezzo di copertina superiore a € 70,00, nonché in periodici non scientifici e siti web con caratteristiche diverse da quelle sopraelencate, è soggetta a diritti di riproduzione. L'ammontare dei diritti per riprodurre una foto in un'edizione a stampa in una lingua è pari a:

- € 51,65 per foto a colori ed € 11,00 per foto in bianco e nero, quando le riproduzioni sono eseguite dall'utente o fa fotografo incaricato;

- il triplo del costo della riproduzione, quando quest'ultima è fornita dall'Archivio di Stato.

Per diritti mondiali tali importi sono triplicati.


Ristampe presso il medesimo editore: riduzione del 50% sulle tariffe per i diritti di riproduzione in vigore al momento della pubblicazione. 


MODALITA' DI PAGAMENTO

Le spese di riproduzione e i canoni di concessione, quando dovuti, devono essere saldati anticipatamente, all'atto della presentazione della domanda, con una delle seguenti modalità:

Dall'Italia:

- Conto corrente postale n. 1313 intestato a: Tesoreria Provinciale dello Stato di Treviso, indicando il codice fiscale del versante e la causale di pagamento (ARCHIVIO DI STATO DI TREVISO corrispettivo per rimborso spese riproduzioni  e altri servizi e/o diritti, da versare al Capo XXIX, capitolo 2584, art. 3).


- Bonifico bancario a favore della Banca d'Italia, capo 29° cap. 2584/3, coordinate bancarie: Swift BITAITRRENT Iban IT71O0100003245223029258403, indicando il codice fiscale del versante e la causale di pagamento (ARCHIVIO DI STATO DI TREVISO corrispettivo per rimborso spese riproduzioni e altri servizi e/o diritti,  da versare al Capo XXIX, capitolo 2584, art. 3).


Dall'estero:

Bonifico bancario a favore della Banca d'Italia, capo 29° cap. 2584/3, coordinate bancarie: Swift BITAITRRENT Iban IT71O0100003245223029258403, indicando i dati anagrafici del versante e la causale di pagamento (ARCHIVIO DI STATO DI TREVISO corrispettivo per rimborso spese riproduzioni e altri servizi e/o diritti, da versare al Capo XXIX, capitolo 2584, art. 3).



________________________________

pagina web aggiornata 09 marzo 2019