via Pietro di Dante, 11 - 31100 Treviso - tel.: +39 (0)422 545805 - fax: +39 (0)422 411019
email: as-tv@beniculturali.it - pec: mbac-as-tv@mailcert.beniculturali.it
Stemma di Treviso L'archivio di stato di Treviso, istituito come Sezione con D.M. 2 ottobre 1958 e divenuto Archivio di Stato con D.P.R. 1409 del 30 settembre 1963, ha potuto ospitare i più antichi fondi archivistici esistenti in città solo dopo che fu portata a termine, nel 1969, la costruzione della sede di via Marchesan. A parte pochi altri fondi, per lo più di minor rilievo, tale documentazione si trovava allora materialmente riunita in due grandi blocchi. L'uno, presso l'Archivio notarile distrettuale, comprendeva oltre agli atti dei notai l'archivio del Collegio dei notai cui era unita, tra l'altro, documentazione di carattere giudiziario. L'altro blocco, conservato presso il Comune, era costituito dagli archivi delle Corporazioni religiose soppresse per lo più in epoca napoleonica, dall'archivio dell'ospedale civile di Santa Maria dei battuti e, infine, da un coacervo particolarmente voluminoso e promiscuo di scritture - oltre 6.300 unità - denominato tradizionalmente Archivio civico antico.
Tutta la documentazione conservata nel Comune aveva subito danni gravissimi in seguito all'incursione aerea del 7 aprile 1944, per cui entrò a far parte dell'Archivio di Stato in condizioni di grande disordine e notevole deterioramento, avendo subito inoltre inevitabili dispersioni. L'Archivio di Stato si è poi venuto arricchendo di altri documenti, comprendenti anche materiale preunitario, versati dalla Prefettura ed altri uffici. Sono stati inoltre effettuati trasferimenti di fondi dall'Archivio di Stato di Venezia. Tra le acqisizioni recenti, quella di maggior rilievo, è senza dubbio costituita dall'Archivio dei disegni dell'architetto veneziano Carlo Scarpa (Venezia 1906 - Sendai 1978). Si tratta di circa 200 progetti e di oltre 35.000 disegni acquistati dal Ministero per i Beni culturali nel 2001 e depositati, a partire dal 2003, presso l'Archivio di stato di Treviso.
Dal 2 giugno 2006, le testimonianze scritte della storia antica e di quella più recente della città, sono a disposizione di tutti coloro che desiderano consultarle presso la nuova sede dell'Archivio di Stato di Treviso, sita nel cuore stesso della Città, nei locali dell'ex convento di Santa Margherita, nei pressi dell'omonima Riviera, a cinque minuti a piedi dalla Stazione ferroviaria e dalla Stazione delle corriere.
Logo Ministero dei Beni culturali

Logo del Comitato “150° anniversario dell’Unità d’Italia”

Si ricorda che il giorno 27 aprile, nella ricorrenza del Santo Patrono di Treviso, l'Istituto resterà chiuso.
Statistiche accesso 20.02.2008 - 18.12.2012
Visite: 74.734
Pagine viste: 753.222

NATALE IN ARCHIVIO


Domenica 16 dicembre
Ore 14.00 - 20.00

CSS Valido!